REFERENTI:

Daniele Gerolin
info@z-i-ponterosso.it

Elena Caraglia
elena@z-i-ponterosso.it

 
Versione stampabile 
   

COME INSEDIARSI IN ZIPR
L'attività principale svolta dal Consorzio è l'acquisizione di terreni non infrastrutturati da trasformare in lotti per insediamenti industriali.
Perché una ditta possa insediarsi nella zona industriale Ponte Rosso è necessario che essa svolga una attività produttiva o che, all'interno del processo, sia prevista almeno una fase produttiva.
L'accettazione dell'insediamento è comunque subordinata alla decisione del CDA del Consorzio.

DISPONIBILITA' DEI TERRENI
Per conoscere la disponibilità di terreni e la loro dislocazione basta contattare direttamente gli uffici del Consorzio (tel 0434-844111) e richiedere un appuntamento con il Responsabile tecnico commerciale, Daniele Gerolin.
In questa fase vengono consegnate agli interessati: le norme che regolano il rapporto e le copie del REGOLAMENTO DELLA GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE e del REGOLAMENTO DELLE FOGNATURE del Consorzio, contenente anche le clausole contrattuali e i relativi obblighi a carico delle aziende insediate.

DOMANDA DI INSEDIAMENTO
Conclusi gli incontri preliminari e identificato il terreno idoneo l'operazione viene formalizzata con la compilazione della DOMANDA DI INSEDIAMENTO, che, pur non costituendo alcun vincolo per la ditta richiedente, documenta l'interesse a procedere all'acquisto.
Il modulo per la Domanda di insediamento, distribuito dal Consorzio e estraibile dal sito, contiene tutti i dati necessari al CDA per procedere alla valutazione della richiesta.

AUTORIZZAZIONE ALL'INSEDIAMENTO
A questo punto il CDA è chiamato a deliberare in merito anche sulla base delle indicazioni che provengono dal PROFILO AZIENDALE OTTIMALE.
In caso di parere favorevole non rimane che procedere alla stipula del contratto mentre, se gli elementi a disposizione non consentono una chiara valutazione, si deve procedere a integrarli e a sottoporre nuovamente la richiesta al vaglio del CDA.

CONTRATTO PRELIMINARE
Con la delibera favorevole del CDA viene autorizzata la cessione del terreno da parte del Consorzio e si stipula il CONTRATTO PRELIMINARE.
Questo è soggetto a registrazione, il cui costo è a carico della ditta acquirente.
Al preliminare deve essere versato, a titolo di acconto, il 25% dell’importo totale.

DEFINIZIONE DEI DATI CATASTALI
Al termine del procedimento per la preparazione del terreno alla vendita possono essere definiti i dati catastali del terreno che vengono comunicati alla ditta assieme agli estremi dell'atto di determina, alla superficie e al costo del terreno.

CONTRATTO DEFINITIVO
La stipula del contratto definitivo avviene davanti al notaio designato dalle parti in data concordata.
Il contratto richiama le NORME GENERALI DI CESSIONE e ne segue lo schema, impegnando inoltre la ditta al rispetto del Regolamento per il funzionamento e la gestione delle infrastrutture.
Le Norme generali di cessione e il citato Regolamento possono essere ricavati direttamente dal sito o richieste agli uffici (tel. 0434-844111).
Alla stipula del contratto è previsto il versamento del saldo.

COSTO DEI TERRENI
Il costo dei terreni è fissato con delibera dell'Assemblea e viene aggiornato secondo la richiesta e l'andamento del mercato.
Il prezzo deliberato è stato quantificato in 42,00 Euro al mq. per terreni ceduti in piena proprietà.
Il prezzo per l’acquisto di terreno in diritto di superficie è invece di euro 37,00 al mq.

SE SI VUOLE ACQUISTARE IN LEASING
Nel caso si decida di acquistare tramite una società di leasing si deve darne avviso al Consorzio prima della Delibera di cessione, fornendo:
- Dichiarazione della ditta di voler far subentrare nell'acquisto la società di leasing
- Dichiarazione della società di leasing di voler acquistare il lotto di terreno al solo fine di darlo in locazione finanziaria alla ditta.

NORME
Il Consorzio si rifà, nella cessione dei terreni, oltre ovviamente alle norme regionali e nazionali in materia, anche alle citate Norme generali di cessione e al Regolamento per il funzionamento e la gestione delle infrastrutture e dei servizi della zona industriale.

COMUNICAZIONI INERENTI L'ITER DI CONTRATTO
Il CPR regola il valore delle aree e dei servizi con delibera dell'assemblea dei soci. Tali atti sono di fatto il "Listino" a cui i Responsabili delle singole fasi fanno riferimento per dare adeguata informazione agli interessati.
A seconda del servizio richiesto l'iter può essere di breve o lungo periodo. La comunicazione deve essere volta sia al reperimento di tutte le informazioni necessarie al CPR che a fornire una completa informazione al cliente. Rendere evidenza del Regolamento con cui il CPR ha definito la ripartizione delle spese per gli insediati;
Il responsabile della singola fase lo è anche del controllo della comunicazione inerente la stessa.

COMUNICAZIONI AL CONTRATTO
L'atto Notarile è il contratto di cessione dell'area tra il CPR ed il futuro insediamento.
Alla formalizzazione del contratto, TGT sottopone al cliente alcune domande utili al Consorzio per monitorare la sua percezione sull'operato complessivo. Tale monitoraggio è input di analisi da parte di RQA.

COMUNICAZIONI SUCCESSIVE ALL'INSEDIAMENTO
L'insediato è tenuto a comunicare tutti i dati previsti dal Regolamento del CPR. Questi devono essere registrati, esaminati da RAM e archiviati.
Nel caso il cliente richieda una risposta, questa deve pervenire allo stesso entro 15 gg. In presenza di problematiche e/o reclami non risolvibili direttamente da RAM, le stesse vanno rimandate alla Commissione Paritetica che ne stabilirà la conseguente azione da trasmettere al cliente.
Sono adottate, rispetto all'utilizzo dei dati raccolti con le comunicazioni, tutte le misure previste dalle procedure del SQ.

NUOVI INSEDIAMENTI
L’insediato potrà presentare in Comune la domanda di permesso di costruire, inerente il progetto di nuova realizzazione dell’edificio industriale con relativa modulistica (reperibile presso il Comune di San Vito al Tagliamento o presso il sito SUAP–Sportello Unico per la Attività Produttive), che provvederà al rilascio del permesso di costruire previo benestare del Responsabile Tecnico.

COMUNICAZIONI SUCCESSIVE
L’insediato dovrà comunicare preventivamente al Consorzio l’allacciamento alla rete fognaria Consortile e successivamente, prima dell’inizio attività, DOMANDA DI PREVENTIVA AUTORIZZAZIONE M 54-5 per nuovo scarico direttamente al Consorzio.

CAMBIO DI TITOLARITA’
Nel caso in cui la ditta insediata abbia l’intenzione di cedere ad una società di leasing un immobile sito in Z.I. o in Z.A., per poi riprenderlo in locazione finanziaria, oppure debba modificare la propria ragione sociale, dovrà preventivamente comunicarlo al Consorzio facendo pervenire allo stesso il modello M20-8 (cambio di titolarità), debitamente compilato, al fine di ottenere le dovute autorizzazioni consortili.

MODIFICHE DI MODESTE ENTITA’
L’insediato potrà presentare direttamente al Consorzio la denuncia di inizio attività D.I.A. ( reperibile presso il Comune di San Vito al Tagliamento opresso il suo sito) che provvederà al rilascio del benestare del Responsabile Tecnico e alla consegna della documentazione al Comune.

COMUNICAZIONI SUCCESSIVE

Nel caso in cui le modifiche comportino variazioni qualitative e/o quantitative dello scarico la ditta dovrà presentare DOMANDA DI PREVENTIVA AUTORIZZAZIONE M 54-5 per variazione qualitativa e/o quantitativa dello scarico preesistente ed autorizzato nelle fognature consortili direttamente al Consorzio



Privacy | Credits | Partita Iva 00408450930

Home >Come insediarsi